Questo sito web usa i cookie, anche di terze parti.
I cookie aiutano labromanovet.it a fornire i propri servizi.
Navigando sul sito accetti il loro utilizzo, se vuoi maggiori informazioni clicca sul tasto "Informazioni" oppure clicca sul tasto "Accetto" per accettare i cookie e continuare la navigazione.

     
 
 
 
 
AREA PRIVATA
Email
Password
Richiesta Registrazione
RTR VET
    Esami
    Note e Modulistica
    Consulenza
 
Note e Modulistica
Moduli di Richiesta
Utilizzare i moduli nella tabella sottostante per inviare i campioni
 Modulo generico di richiesta analisi
 Modulo di richiesta esame citologico
 Modulo di richiesta esame istologico
 Modulo di richiesta diagnostica molecolare
Esame Citologico
Per l’esecuzione degli esami, il laboratorio si avvale della consulenza della Dott.ssa SILVIA ROSSI, medico veterinario, Diplomata ECVCP (Clinical Pathology).
  • Tipo di prelievo: il metodo di prelievo deve essere scelto in base alla presentazione clinica della lesione e la sua localizzazione.
    • I campioni allestiti da liquidi organici devono essere sempre inviati in provetta con EDTA ( provetta tappo viola). Inviare ,contestualmente, uno o più strisci tal quale del campione stesso eseguiti al momento del campionamento.
    • I campioni effettuati da midollo osseo devono essere, sempre, accompagnati da un prelievo ematico del soggetto, prelevato nello stesso giorno ( provetta tappo bianco e tappo viola).
  • Tipo di vetrino da utilizzare: i vetrini sono quelli che presentano banda sabbiata su cui inserire l’identificativo sempre a matita ( mai penna o pennarello). Inviare sempre vetrini non colorati.
  • Modulo da allegare: ricordarsi, sempre, di allegare il modulo di richiesta esame citologico con le indicazioni necessarie, anche se richiede impegno nella compilazione. Costituisce, però, elemento indispensabile per un corretto esame.
  • Spedizione dei vetrini: è buona norma utilizzare porta vetrini rigidi ed evitare, quindi, di spedirli con semplice carta o liberi in scatola.
ATTENZIONE: non inviare mai campioni per citologia unitamente a campioni per istologia , perché i vapori di formalina alterano i citologici non colorati.
Esame Istologico
Per l’esecuzione degli esami, il laboratorio si appoggia al service esterno dell’Università degli Studi di Perugia.
  • Prelievo: l’esame istologico può essere eseguito su campioni ottenuti per biopsia parziale o incisionale ( prelievi di un piccolo frammento di tessuto mediante bisturi, punch, tru-cut, ecc.), per biopsia totale o escissionale ( asportazione chirurgica di lesioni in toto) oppure su prelievi post-mortem.
    • Trattare il campione con estrema delicatezza per evitare fenomeni di schiacciamento dei tessuti.
    • Evitare termocauteri e bisturi elettrici.
    • Scegliere con accuratezza le lesione da inviare: se di piccole dimensioni i nviarla intera; se grande ( > 2cm di diametro ) è possibile eseguire una suddivisione in pezzi più piccoli, ma è sempre consigliabile inviare tutta la lesione. Si richiede, comunque, di effettuare dei tagli incompleti che giungano al centro del campione e che non interessino i margini profondi o laterali da valutare per l’infiltrazione cellulare. Si ricorda che la formalina penetra bene sino ad uno spessore massimo di 1-2 cm.
  • Identificazione dei margini: se si sospetta un neoplasia è opportuno identificare i margini del campione con dei punti di sutura.
  • Fissazione: i campioni devono essere fissati il più rapidamente possibile immergendoli in un liquido che ha lo scopo di preservare i tessuti conservandone la morfologia. Il fissativo più usato è la formalina ( formaldeide diluita al 10%, tamponata a pH 7-7,2 ) da impiegare in quantità appropriate ( almeno il doppio del volume del campione ).
  • Contenitore: infrangibile, di plastica, a tenuta ermetica con tappo esterno a vite a bocca larga, poiché i tessuti molli, dopo fissazione, acquistano nuova consistenza e volume.
  • Identificazione: come per la citologia, anche in questo caso, è necessario allegare al campione il modulo di richiesta.
ATTENZIONE: non inviare mai campioni per istologia unitamente a campioni per citologia, perché i vapori di formalina alterano i citologici non colorati.
Note per le Biopsie Cutanee
Si devono biopsare lesione primarie e recenti (entro 2-3 settimane dalla comparsa).
Non biopsare lesioni da autotraumatismo, lesioni croniche, lesioni infette secondarie. Lesioni di piccole dimensioni dovrebbero essere prelevate in toto, se la lesione è di grosse dimensioni è possibile eseguire una biopsia incisionale a losanga che comprenda cute lesa da un lato e cute sana dall'altra. E' necessario specificare, sempre, la sede di provenienza del prelievo (es. dorso, ascella, addome, ecc.).
L'Esame in Biologia Molecolare
 SANGUE EDTA 2 ml
 MIDOLLO OSSEO Ottenuto per ago aspirato 0,5 ml
 URINE 5 ml in provetta sterile
 UA Umor acqueo
 LCS Liquido cerebrospinale 0,5 ml
 TAMPONI Tamponi nasali, faringei,oculocongiuntivali,rettali stemperati in soluzione fisiologia
 L.ARTICOLARE 0,5 ml
 FECI In contenitore sterile
 VERSAMENTO Liquidi versamento pleurico,perit.,pericard., posti in provetta
I campioni devono essere inviati refrigerati immediatamente, è necessario quindi valutare l’ipotesi di invio del campione in laboratorio mediante propria organizzazione. Inoltre, è buona norma effettuare il prelievo i primi giorni della settimana.
I virus a RNA (FIP, FCOV E CCOV, CIMURRO, CALICIVIRUS) sono facilmente degradabili ad opera di enzimi conosciuti come RNAsi, ubiquitari, molto stabili ed attivi anche a basse concentrazioni. Questi enzimi si trovano dovunque anche sulle nostre mani, per cui sarebbe opportuno rispettare alcune norme per evitare il rischio di contaminazione.
  1. Usare sempre guanti puliti, anche per manipolare le provette da utilizzare per la raccolta del campione.
  2. Cambiare i guanti frequentemente e chiudere le provette.
  3. Usare tubi/ provette/ tamponi sterili e procedere rapidamente avendo cura di riporre il prima possibile il campione raccolto in frigorifero a + 4 °C.
  4. Inviare il prima possibile al laboratorio.
Si tratta, comunque, di consigli da applicare al fine di ottenere un campione idoneo per la ricerca dei virus a RNA, tuttavia tra gli stessi virus a RNA esiste, comunque, una differente sensibilità all’azione di questi enzimi.
   © 2012 - 2018 RTR VET s.a.s. - All rights reserved - Partita Iva 04468560752 - Mappa Sito     Informativa Cookie Credits   
contatore visite free    RTR VET s.a.s. - Via dei Salesiani, 3 - 73100 - Lecce (LE) - Tel. e Fax: 0832.1693795 - Cell.: 380.7558490 - Email: info@labromanovet.it